Racconto sul razzismo: nessuno è mai stato un colore

Ce ne son state a iosa di vite da ammirare.
Anche solo da osservare.
Da studiare, annotandone evidenze e dettagli.
Tra costoro, procedendo a braccio, anzi, a cuore, Martin Luther King non era un colore.
Perché le sue speranze per un civile compromesso e la sua fede nelle possibilità dei molti, erano meravigliosamente racchiuse in un sol corpo, ricoperto di una carnagione che parlava a tutti, soprattutto ai silenziosi buoni che abitano copiosi le zone più intolleranti del mondo...

Leggi il resto

Commenti

© 2009-2018 Alessandro Ghebreigziabiher