Storie di ragazze: La faccio finita

La faccio finita

di
Alessandro Ghebreigziabiher

La.
Faccio.
Finita.
Eva digitò le tre parole e si apprestò a chiudere.

Alessandro Ghebreigziabiher
Potremmo aggiungere il sipario, per darci un tono teatrale, giustappunto, ma presumo sia più onesto dirla tutta per ciò che è.
Eva era pronta a chiudere ogni cosa e gli ultimi tre insiemi di lettere che lasciava alle spalle rappresentavano un commiato perfetto.
Malgrado unite dicessero tutto quel che c’era da dire, le singole parole erano semplici e banali, se prese da sole.
Esattamente come la ragazzina vedeva se stessa.
Tuttavia, non aveva idea di quanto la scena lo fosse, perfetta.
“Ci conosciamo?”
Altre due parole, non sue, in una domanda di poco conto per chi è sul finire del giorno, l’ultimo.
Ciò nonostante, era il nome del mittente a lasciarla perplessa.
“Non credo”, rispose Eva.
“E allora perché mi hai taggato?”
“Non ti ho taggato.”
“Sì che l’hai fatto.”
“Ti sbagli, ci dev’essere stato un errore.”
“No, nessun errore, hai taggato proprio me.”
“Aspetta… tu vorresti dirmi che ti chiami La?”
“Sì, ovvero è il diminutivo di Laura, tutti mi chiamano La, ma nessuno per il motivo per il quale io mi ci sento.”
“E quale sarebbe?”
“E’ facile, La, come la nota.”
“Il La?”
“No, la La.”
“Non ti seguo…”
“E’ normale che tu non mi segua, perché è talmente vero quello che penso che nessuno lo ritiene plausibile.”
“Spiega.”
“Si chiamano note, giusto?”
“Sì.”
“E nota è una parola femminile, no? Sono le note, giusto?”
“Esatto.”
“E al plurale è sempre femminile, vero?”
“Quindi?”
“Quindi perché allora diciamo il Do e il Sol, il Re e il Mi? Almeno il Fa e il La dovrebbero essere nostre: la Fa e la La.”
“Che scemenza.”
“Non dico tutte le note, ma almeno quelle due. In fondo servono per creare la musica, non il musica.”
“Tu sei scema, ma simpatica.”
“Grazie.”
“Ma se non mi hai taggato che stavi scrivendo?”
“Ci conosciamo?” domandò in quel momento qualcun altro.
“Non penso, ma scusa, sono già in chat con una…”
“E allora se sei in chat con una perché mi tagghi?”
“Non ti ho taggato, cosa dici?”
“Sì che l’hai fatto.”
“Un attimo… quindi tu vorresti dirmi che sei Faccio?”
“Sì.”
“Ti chiami Faccio?”
“Non mi chiamo Faccio, è un nickname, sveglia, io sono Francesco.”
“Be’, è strano.”
“No, è logico.”
“Perché?”
“Perché la vita per me è fare. Penso, quindi sono, dice il motto, ma secondo me va bene per gli anziani. Io ho sedici anni.”
“Anche io.”
“E allora puoi capirmi, ci sono così tante cosa da fare oggi, che non si può restare fermi, non si può restare a pensarle, solo a guardare gli altri che le fanno. Chi può fare, deve fare, questo è il mio motto. E io faccio.”
“E cosa faresti?”
“Tutto quello che mi fa stare bene.”
“Ci conosciamo?” chiese il terzo a entrare in scena.
“No… ma un istante, forse ho capito: ti ho taggato, giusto?”
“Sì.”
“E tu ti chiami Finita, vero?”
“Brava, ma perché mi hai taggato?”
“Che razza di nome è Finita? So che è un nickname, ma perché hai scelto questo?”
“Non è un nickname.”
“Stai scherzando?”
“No, lo scherzo me l’hanno fatto i miei. Due sciroccati, non solo per la scelta dei nomi.”
“Non me ne parlare.”
“Allora mi son detta, lo sai che c’è? Io sono Finita, è il mio nome, così come tutto il resto che ho trovato alla nascita, a cominciare da quei due bambini cresciuti solo nel corpo e nelle frustrazioni, e ho una sola via per vivere felice.”
“E sarebbe?”
“Far diventare figo quello che sono.”
“E come fai?”
“Inizio con il non vergognarmene.”
Eva continuò a parlare con tutti e tre fino a tarda notte e si addormentò, dimenticandosi il proprio funesto intento.
E che siano benedette le parole.

 
Leggi altre storie di ragazze
Vieni a vedermi a teatro nella commedia Curami
Ascolta la mia canzone La libertà 
Compra il mio ultimo libro, Elisa e il meraviglioso mondo degli oggetti, Tempesta Editore 
Guarda un brano tratto dal mio ultimo spettacolo, E' incredibile quello che una piccola luce può fare
Iscriviti alla Newsletter

Commenti