giovedì 1 novembre 2018

Le meravigliose armi dei piccoli

Le meravigliose armi dei piccoli

di
Alessandro Ghebreigziabiher


Un lampo, via la corrente, via tutto, da qualche parte, lassù, dove ogni cosa funziona, e di quel tutto si ha bisogno per vivere.
Un lampo, un altro ancora, là sotto, dove il buio è di casa e, di certo, non fa paura.
“Papà...”
“Sì?”
“Ho fatto un incubo.”
“Raccontami, ti ascolto.”
“No, è breve, solo due o tre secondi.”
“Mi interessa comunque, vai.”
“Ecco, ti ho detto, papà, è stato tutto molto veloce. All’inizio del sogno mi trovavo in una casa bellissima, piena di lampadari e colori, e c’era musica, tu ballavi, e mamma era ancora qui, con noi, come se le bombe...”
“E poi?”
“Poi, solo un attimo dopo, il sogno ha cominciato a sbriciolarsi.”
“In che senso?”

Alessandro Ghebreigziabiher
“Come se stessi leggendo un bel libro e una magia cattiva facesse a pezzettini le pagine.”
“E hai avuto paura?”
“No, sono solo triste.”
Come per l’incubo, all’uomo furono sufficienti solo due o tre secondi per intervenire.
“Ma non devi restare triste.”
“Perché?”
“Perché il sogno non è finito e tu hai capito già che sta accadendo.”
“Di cosa parli, papà?”
“Della magia cattiva, sei stato bravo a scoprire il colpevole.”
“Davvero?”
“Già, ma non possiamo rimanere con le mani in mano, sei stato sfidato.”
“E cosa possiamo fare?”
“Prima di tutto, possiamo resistere all’attacco tirandoci su a vicenda, e poi rispondere colpo su colpo.”
“Come, papà?”
“Con le armi che abbiamo.”
“E quali sono?”
“Le mani, alza le mani con me e battile forte l’una contro l’altra… bravissimo, così, continua.”
“Questo da fastidio alla magia cattiva?”
“Certo, perché è questa la nostra musica, il suono di chi si vuol bene, della famiglia che ancora siamo. Lo vedi che inizia a tremare?”
“Hai ragione, papà, la magia cattiva trema.”
“Allora, non fermiamoci. Ricordi quella cosa che canticchiavi ieri sera mentre lavavamo le scodelle?”
“Sì.”
“Bene, non tutto è perduto, cantiamola insieme.”
“Ma non è una vera canzone, papà...”
“Giusto, ma la magia cattiva non lo sa, perché le magie cattive non sanno quasi nulla, sono ignoranti. Questa è la loro forza, ma anche il loro punto debole. Quindi, cantiamo, cantiamo a squarciagola senza smettere di battere le mani, perché questa è la canzone di chi non si arrende mai. Lo vedi che inizia a indietreggiare?”
“Sì, papà, è vero! E adesso?”
“Adesso, diamole il colpo di grazia, alziamoci in piedi e balliamo, come quando abbiamo freddo e lo facciamo più per scaldarci, che per muoverci.”
“Ora?”
“Ora e ogni momento che servirà.”
Continuarono così per un po’ e poi si riaddormentarono, ancora più forti di prima.
Perché la magia cattiva può essere sconfitta solo con quel poco.
Che è tutto.


 

Guarda e ascolta il video:
Cosa sono i virus oggi?

Leggi altre storie con morale
Compra il libro Carla senza di Noi
Ascoltami cantare con la band
Guarda un estratto dello spettacolo Le sette vite di Eva
Iscriviti alla Newsletter

Nessun commento:

Posta un commento