Spegniamo tutto

Spegniamo tutto

di
Alessandro Ghebreigziabiher

 
In un prossimo futuro…

Allora, Caterina, eccoci qua, finalmente.
Già, finalmente, Marco.
In che senso?
Cosa?
In che senso dici finalmente
E tu?
L’ho chiesto prima io.
Be’, io intendevo nel senso letterale, alla fine.
Alla fine di cosa?
Del solito corteggiamento virtuale, ecco. Siamo andati avanti per mesi…
E tu? Cosa intendevi?
Lo stesso.
Capisco.

Alessandro Ghebreigziabiher
Allora, che facciamo, silenziamo le varie chat? Ho un enorme desiderio di stare solo con te, Caterina.
Già, concordo.
Che bel locale, vero?
Proprio vero.
Ascolta, spegniamolo del tutto, il cellulare, che dici? Così nessuno ci disturba.
Hai ragione, Marco, presto detto.
Vogliamo intanto ordinare da bere? Cosa preferisci?
Già che ci siamo, Marco…
Che?
Per essere coerente, credo sia meglio che spenga anche il chip neuronale.
No… ce l’hai anche tu?
Certo! Ma non ti ho mai visto sul Social Dreamwork, dove ci si connette dormendo…
Neppure io su Psicher
E cos’è?
Il social sui deliri, uno spasso, credimi.
Spegniamo, allora?
Sicuro, Caterina, sarebbe proprio un controsenso.
Già.
Allora, cosa prendi, quindi?
Un birra media va benissimo, e tu?
Io… ecco, io voglio essere del tutto sincero, con te, stasera.
E quindi?
A essere onesti, dovrei arrestare anche l’ArrApp
E cos’è, Marco?
Non la conosci?
No…
Si carica sul sistema operativo genitale, ce l’hai, no?
Certo, me l’hanno fatto installare i miei per evitare gli stupri, in caso di aggressione blocca tutto e in tempo reale la webcam invia uno screenshot immediato del predatore alla polizia.
Utile, mi rendo conto. A ogni modo, mi vergogno un po’… ma l’ArrApp serve a potenziare le prestazioni. Sai, per me sarebbe la prima volta, sono così insicuro…
Anche per me sarebbe la prima volta…
Sei arrossita!
No, è il simulatore emozionale USB che ho sulle spalle, hai notato che non mi appoggio mai allo schienale?
E a cosa ti serve?
Be’, dicono tutti che sono poco espressiva, fredda, ma non è così, ti giuro.

Infatti.
Marco…
Sì?
Facciamo una bella cosa?
Che?
Spegniamo tutto.
E poi?
E poi ti amo.
Anch’io.




Compra il mio nuovo libro, Carla senza di Noi
Leggi altre storie d'amore
Ascoltami cantare con la band
Guarda un estratto dello spettacolo Carla senza di Noi
Iscriviti alla Newsletter

Commenti

© 2009-2018 Alessandro Ghebreigziabiher